Archivi tag: Wolfang Amadeus Mozart

Ricordando Fabrizio de Andrè

Ricordando Fabrizio de Andrè

Negli scorsi giorni è stato l’anniversario di un immenso cantautore e così la nostra Fatina, ricordando Fabrizio de Andrè, appunto, ha deciso di fare una cover di un suo pezzo immortale “Amore che vieni amore che vai” mischiato con “Alla Turca” di Wolfang Amadeus Mozart. I due pezzi hanno gli accordi simili ed è bastato rallentare Mozart per farlo incontrare con il cantautore di Genova.

L’amore

La canzone di De André “Amore che vieni amore che vai” mi ha da sempre suscitato emozioni chiunque la coverizzasse. Ascoltata cantata da Fabrizio però… ho provato emozioni molto forti. Mi ha portato indietro nel tempo, a quando ero una giovane fatina, il cuore che batteva all’arrivo del primo innamorato. Via via la mente percorre tutti i momenti dei nuovi incontri: l’amore vissuto in modo sempre più intensamente consapevole, mentre la musica risuona. L’ho ascoltata veramente in modo esponenziale e l’ho anche cantata in giro per casa. Ma poi è arrivato il giorno in cui ho deciso di cantarla accompagnandomi al pianoforte e farci un video

Attenzione Fatina al lavoro

Mi faccio avvolgere dall’armonia di questa canzone e nella mia testa danzano accordi moderni e antichi, una sequenza di armonie che mi rimandano a qualcosa a me conosciuto. Allora comincio a giocare con le sequenze armoniche fino a che, le mie dita ricadono su un brano imparato quando avevo 8 anni: “Alla Turca” di Mozart. Con stupore e curiosità ho cominciato a lavorare ed ecco che il grande De André e il grande Mozart si sono fusi  uno nell’altro e mi hanno permesso di realizzare questo lavoro. Si sono rincorsi, abbracciati fino a fondersi in un’unica composizione

Ave Verum Corpus

Ave Verum Corpus 

Questa opera scritta da Wolfang Amadeus Mozart, è basata sul testo eucaristico omonimo del XIV secolo, e si tratta di un mottetto per coro misto, orchestra e organo, composto a Baden, nei pressi di Vienna. Dopo pochi mesi il grande compositore, prematuramente, morirà. L’opera è dedicata all’amico Anton Stoll, Kapellmeister, della chiesa parrocchiale di Vaden. Nata per l’occasione della solennità del Corpus Domini, viene considerata uno dei momenti più alti del genere mozartiano. Cajkovskij rielaborò questo celebre mottetto nella preghiera che costituisce il terzo movimento della Suite n.4 op. 61, nota, non a caso, come Mozartiana. Nell’epoca moderna il cantante rock Jon Anderson, della band progressiva Yes, interpreta l’Ave Verum Corpus nel proprio album solista Toltec del 1996.

L’Ave Verum Corpus di Melody

Arriviamo a me. Questo è un brano che ho conosciuto prima come cantante, nella corale del mio paese, Vaprio d’Adda, diretta dal maestro Fulvio Brambilla, che come brano suonato. Poi ho cominciato ad avvicinarmici in merito a celebrazioni particolari, con il privilegio di organista, accompagnando cantanti lirici ma anche durante alcuni matrimoni ho avuto modo di suonarlo tantissime volte. Ma anche nel mio “Concerto Sacro“.

Emozioni

L’Ave Verum Corpus mi ha sempre suscitato forti emozioni, perché il canto è semplice così come la linea melodica. Sia durante l’ascolto sia quando lo suono, questo brano mi trasmette sempre molta pace, tanto che, al termine ho bisogno di stare in silenzio, in una meditazione. Così ho deciso, con molto rispetto, di riprenderlo in mano partendo da uno smembramento della struttura.

Il lavoro sull’arrangiamento

Sono arrivata, dopo mesi di lavoro sullo sparito, a lasciare la struttura armonica identica. Quello che ho variato è stato spostare il tema a uno strumento piuttosto che a un altro. Al pianoforte ho lasciato principalmente la struttura armonica, al violoncello il basso e al violino cinese (Erhu) quasi sempre la parte tematica. Sono nate in me nuove emozioni, molta passionalità mista a trascendenza e spero che possa suscitare emozioni diverse a chi lo ascolterà.

Il pezzo è stato prodotto da Fabio Ricci che ne ha anche curato il video che vedete qui sopra.

Per la cronaca l’avevo anche suonata in questa versione qui.